ATTIVITA’ E LABORATORI

STILE EDUCATIVO DELLA SCUOLA

La centralità del bambino: “lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi.

In questa prospettiva i docenti dovranno pensare a realizzare progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui ed ora, che sollevano precise domande esistenziali, che vanno alla ricerca di orizzonti di significato” (indicazioni nazionali ministeriali del 2012).

Il bambino necessita e chiede di essere accolto, stimato e guidato ad aprirsi sempre di più al mondo, a partire dalla valorizzazione delle attitudini e delle capacità di ciascuno, nel rispetto dei tempi personali di crescita. A scuola vengono sviluppate attività che consentono di promuovere la relazione tra bambini, sostenendo la condivisione delle proposte.
Il bambino viene aiutato a comprendere che è più ricco, bello e divertente fare le cose insieme ai suoi compagni.

L’accoglienza: la scuola accoglie personalmente ogni bambino ed insieme a lui i suoi vissuti ed esperienze, le proprie dinamiche emotive e le aspettative dei genitori.

L’ascolto: l’ascolto attento e amorevole dei bisogni espressi e inespressi del bambino è alla base della nostra azione educativa. Vicinanza affettiva, tenerezza e dialogo caratterizzano lo stile pedagogico e la relazione educativa.

L’autorevolezza: l’insegnante, punto stabile di riferimento, si propone come figura autorevole che aiuta il bambino a maturare un corretto rapporto con il mondo che lo circonda. Ogni intervento correttivo, senza modificare la naturale esigenza del piccolo ad esprimersi spontaneamente in ogni circostanza, lo guida a ragionare su fatti e comportamenti, a rafforzare il senso del proprio valore e a fortificare l’autostima.

L’importanza del gioco: la nostra scuola imposta i propri percorsi partendo dalla consapevolezza che il bambino ha bisogno di giocare e ha sete di “perché”. Utilizza il gioco come elemento centrale e motivante di ogni attività, risorsa privilegiata per entrare in relazione con gli altri, mezzo per esplorare e conoscer la realtà.
Pertanto, le proposte intendono, attraverso l’attività ludica, dare risposta al suo naturale desiderio di conoscenza: “l’apprendimento avviene attraverso l’esperienza, l esplorazione, i rapporti tra bambini, con la natura, gli oggetti, l’arte, il territorio e le sue tradizioni, attraverso la rielaborazione individuale e collettiva delle esperienze e attraverso il gioco.
Attraverso il gioco i bambini si esprimono, raccontano, interpretano e combinano in modo creativo le esperienze soggettive e sociali” (Indicazioni Nazionali per il Curricolo).
Al fine di erogare un servizio scolastico di qualità, all’interno della scuola sono state messe in atto le seguenti azioni educativo-didattiche:

  • il lavoro collegiale che si avvale del confronto tra le docenti;
  • la formazione permanente del personale sia dal punto di vista pedagogico-didattico (attraverso corsi) che tecnico (antincendio, sicurezza e pronto soccorso).
  • la continuità tra i diversi ordini di scuola (rapporti e scambi reciproci con le docenti delle scuole primarie limitrofe);
  • il rapporto costante tra docenti e famiglie declinato attraverso la possibilità di colloqui prestabiliti durante il corso dell’anno o richiesti in caso di necessità;
  • la valutazione come momento fondamentale nel percorso educativo-didattico;
  • l’individualizzazione dell’insegnamento affinché le differenze non si trasformino in disuguaglianze;
  • il rapporto con il territorio e le agenzie presenti in esso.

Ampliano l’offerta formativa:

IL PROGETTO RELIGIOSO FORMATIVO: è previsto per tutti i bambini frequentanti la scuola un percorso religioso volto a trasmettere, secondo metodologie appropriate, i valori fondamentali della religione cattolica cristiana.
I bambini, attraverso un processo di scoperta, imparano a conoscere:

  • l’esistenza di Dio (attraverso lo stupore della creazione);
  • la figura di Gesù così come viene presentata nei Vangeli;
  • la scoperta della grande famiglia dei cristiani che è la Chiesa, vivendo con intensità le feste religiose (Natale e Pasqua) e riconoscendone l’importanza e la centralità di Cristo.

IL PROGETTO DI INGLESE: l’insegnamento della lingua inglese nella scuola dell’infanzia consente ai bambini l’apprendimento di parole, suoni ed espressioni differenti dal loro quotidiano vocabolario. Attraverso il gioco, la drammatizzazione, la visione di brevi filmati, la recitazione di semplici scenette tratte da situazioni quotidiane, i bambini acquisiranno confidenza con la novità della lingua e ne sapranno ripetere vocaboli e modi di dire.
Il corso verrà condotto da un’insegnante specialista, proposta da una società che da anni opera nelle scuole dell’infanzia aderenti alla FISM.
La specialista lavora su piccoli gruppi suddivisi per fasce d’età. L’iscrizione è facoltativa; il costo è annuale e richiede un pagamento supplementare.

IL PROGETTO LETTURA: si tratta di un progetto attivo da anni, realizzato in collaborazione con la biblioteca comunale e volto a sviluppare un primo approccio al mondo dei libri e della lettura.
Il progetto prevede infatti la visita mensile della bibliotecaria a scuola per la lettura animata (secondo il tema della programmazione dell’anno) e la consegna alla scuola di un quantitativo di libri in prestito da poter visionare. In questo modo la scuola diventa un veicolo per promuovere cultura ed avvicinare le famiglie al mondo della letteratura per l’infanzia.

LE ATTIVITÀ DI LABORATORIO: ogni anno vengono proposti laboratori diversi (manipolazione, arte, narrazione, fotografia, sartoria creativa, orto, attività ludiche e sensoriali…). La didattica laboratoriale si propone di stimolare nel bambino la fantasia, l’immaginazione e la creatività perché “se senti dimentichi, se vedi ricordi, se fai impari” (Confucio).

CORSO DI EDUCAZIONE MOTORIA: si inserisce nel campo di esperienza dedicato a “il corpo e il movimento” e ha lo scopo di avviare i bambini alla conoscenza del proprio corpo, alla percezione dello spazio, alla coordinazione di posture e gesti, all’orientamento in percorsi e labirinti che assumono complessità a seconda dei diversi livelli di età.
Tali obiettivi vengono perseguiti attraverso giochi motori in situazioni topologiche, giochi imitativi e simbolici, esperienze sensoriali, costruzioni di percorsi su indicazione dell’insegnante. Il corso verrà condotto da un’insegnante specialista proposta da una società che da anni opera nelle scuole dell’infanzia aderenti alla FISM.

ATTIVITA’ EXTRA CURRICULARI: dall’anno scolastico 2018/19 sono previste attività extra che hanno la duplice finalità di stimolare e proporre ai bambini momenti formativi anche in orario post scolastico e di sostenere i genitori nella gestione del tempo.
Nello specifico, la scuola propone:

LABORATORIO DI PROPOEDEUTICA MUSICALE: con uno specialista esterno si propone un corso che aiuti il bambino a prendere coscienza delle proprie capacità vocali, ritmiche e motorie. Non si tenderà solo ad obiettivi musicali, ma ad uno sviluppo globale che lo porti a sviluppare le proprie capacità espressive. Trasmettere le basi del linguaggio musicale attraverso attività allegre e stimolanti, potenziare la capacità di muoversi nello spazio, la fiducia e l’attenzione reciproca, l’ascolto della musica e lo sviluppo delle capacità motorie saranno le finalità da raggiungere. Lo specialista lavora su gruppi divisi per fasce d’età. L’iscrizione è facoltativa; il costo è annuale e richiede un pagamento supplementare.

LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA TEATRALITA’: il gioco drammatico è attività ludica e al contempo cognitiva. Partendo dalla narrazione di una storia, con il supporto del gioco senso motorio e di ciò che questo attiva in termini emozionali, il bambino svilupperà una corretta gestione del proprio corpo e delle sue espressioni, verso gli altri e nell’ambiente.
Lo specialista lavora su gruppi divisi per fasce d’età. L’iscrizione è facoltativa; il costo è annuale e richiede un pagamento supplementare.

LABORATORIO DI FOTOGRAFIA
LABORATORII POMERIDIANI
LEZIONE DI IGIENE ORALE